OSTEOPOROSI e BALLO DA SALA

OSTEOPOROSI TRATTAMENTO

COL BALLO DA SALA

Dott. Domenico Gullotta

_____________________________________________________________________

Contrastare gli effetti dell’osteoporosi si può e il ballo è uno dei modi più divertenti ed efficaci per riuscirci. Infatti i movimenti gravitazionali eseguiti ballando sono in grado di provocare la stimolazione delle cellule dell’osso a produrre matrice ossea. Lo afferma uno studio effettuato dalla prof.ssa  Julieth Compston, docente di osteologia della School of Medicine dell’Università di Cambridge (UK),  supervisore alla ballerina australiana Erin Boag, nota in tutto il Mondo per aver ideato il programma di successo della BBC “Strictly come dancing” e la versione italiana è “Ballando con le Stelle”. Dalla collaborazione ne è nato un progetto in DVD chiamato “Salute in movimento” che associa la coordinazione delle molteplici cure della malattia con “l’esercizio fisico a carico gravitazionale” generato dal ballo da sala.

 

Tale DVD può essere richiesto da tutti i medici di famiglia per il loro pazienti collegandosi al sito http://www.osteoporosis-disease.eu . Gli esercizi utili, pertanto, sono quelli gravitazionali fatti ballando ma più abitualmente correndo o saltando. Questo perché  provocano nell’osso l’effetto piezoelettrico dei sali di calcio che causa l’attivazione delle sue cellule (osteoblasti) a produrre matrice ossea. La revisione della letteratura medica internazionale sembra evidenziare, come miglior stimolo possibile atto a scatenare tale effetto piezoelettrico, proprio la forza muscolare trasmessa, tramite i tendini, al tessuto osseo durante la contrazione. Inoltre i movimenti rotatori, tipici del ballo, hanno la funzione di stimolare le strutture deputate all’equilibrio, che nell’anziano sono spesso deficitarie pertanto responsabili delle facili cadute.


Per attenuare gli effetti della fragilità ossea poi occorre associare un’adeguata nutrizione.  Perciò i due metodi migliori consistono per primo nell’alimentarsi fin dall’adolescenza con cibi ricchi di calcio ed evitando di acidificare il sangue per tutta la durata della vita e poi per secondo con l’attività fisica dando all’osso stimoli continui, compressivi e intermittenti mediante ginnastica gravitazionale.

 

Tale attività fisica può essere attuata tramite il footing ad andatura sostenuta, la corsa o il salto oppure mediante il ballo da sala che per di più migliora la coordinazione motoria in quanto per ballare occorre stare al ritmo scandito dalla musica.

 

C’è inoltre da dire che non solo il latte e suoi derivati sono si ricchi in calcio, prezioso ione conservato nel tessuto osseo, ma possono essere integrati o, in casi selezionati, sostituiti da verdure e acque minerali ricche in calcio.

 

Queste, sebbene in assoluto contengano meno calcio dei latticini, hanno una forma di calcio meglio assorbibile infatti sono dotate di calcio (contenuto superiore ai 150 mg/L) in forma pura e solubile ovvero prontamente disponibile per l'assimilazione da parte dell'organismo umano.

 

Ma poi soprattutto hanno il vantaggio di non  contenere anche grassi saturi, colesterolo, proteine animali e sodio, come avviene invece con il calcio di origine animale proveniente dal latte e dai suoi derivati, temuti a ragione perché favoriscono nell’anziano l’insorgenza di malattie come l’angina pectoris, l’infarto miocardico o l’ictus cerebrale. Inoltre, la cosa sorprendente è che studi recenti hanno evidenziato come l’osteoporosi sia, solo in parte dovuta alla carenza del calcio introdotto con la dieta, mentre sicuramente è provocata da un’eccessiva acidificazione del sangue, causata da sovrabbondanza di proteine, che costringe l’organismo a tamponare tale squilibrio utilizzando ioni calcio sottratti all’osso ma già posseduti dall’organismo. Il sangue è il tessuto più protetto: il suo pH rimane stabile tra 7,35 e 7,45 e il pH sanguigno può variare soltanto entro stretti limiti.  A questo punto costringono lo scheletro (grossa riserva di ioni di calcio) a dismettere e rilasciare calcio per tamponare l'acidità, con effetto netto di perdita di calcio dall'osso per immetterlo nel sangue ed aumento dell'escrezione urinaria di questo prezioso ione. 

Addirittura nel 1970 l'American Journal of Clinical Nutrition’ dichiarava: "L'osteoporosi è una malattia causata da una quantità di fattori, il più importante dei quali è l'eccessiva assunzione di proteine."


E pertanto sarebbe questo il motivo principale dell’insorgenza dell’osteoporosi. Allora in menopausa, abbondare con i formaggi credendo di introdurre calcio è sconsigliato, perché i formaggi sono molto acidificanti e paradossalmente, pur immettendo calcio, ne rimuovono una certa quantità dall’osso per alcalinizzare il sangue.  Piuttosto occorre preferire i cavoli che ne sono ricchi ma sono alcalini e non si turba  il delicato equilibrio acido-base. Per giunta, insieme con le verdure, è utile ingerire la frutta, che è dotata di ampio potere alcalinizzante come i MIRTILLI o l’UVA, poi sommata al bere acqua ionizzata alcalina, tipica abitudine delle popolazioni orientali ormai da decenni.

 

Prodotta autonomamente da appositi ionizzatori installati all’impianto idrico di casa è un valido coadiuvante a mantenere alcalinizzato il sangue.  Concludendo occorre ricordare come non ci sia nulla di più efficace della prevenzione, infatti uno stile di vita sano ed equilibrato, da iniziare in giovanissima età, aiuta e molto a prevenire i danni della rarefazione ossea ed aiuta ad allontanare, il più possibile, l’epoca d’inizio dell’osteoporosi. Per non subire i dannosi effetti della fragilità ossea pertanto occorre prepararsi adeguatamente con una corretta alimentazione ed esercizio fisico fin dall’età giovanile ed in ogni caso iniziando molto prima dei vent’anni, perché in giovane età si ha il primo consolidamento delle ossa che poi ci accompagnerà tutta la vita.  Per non ammalarsi da vecchi occorre perciò adottare un sano stile di vita fin da “piccoli”

 


 
Maggiore è la massa ossea ottenuta entro i 25-35 anni
 
minore sarà il rischio osteoporosi per loro!

 

Aumentare del 10% il picco di massa ossea — che si raggiunge intorno ai 25 anni ed è la maggior quantità di massa ossea possibile — vuol dire ridurre del 50% il rischio di fratture in età avanzata.    E le ragazzine in soli 2 anni, e precisamente tra i 12 e i 14 anni, accumulano il materiale osseo che perderanno nei 30 dopo la menopausa.  Ecco perché i giovani vanno informati il prima possibile per procurarsi un sostanzioso capitale osseo fin dalla tenera età! E lo dice prof.ssa Maria Luisa Brandi Endocrinologa dell’Università di Firenze che ha completato degli  studi scientifici e ricerche in questo ambito.

Nientemeno un plauso va fatto alla F.I.R.M.O-Fondazione della prof.ssa Raffaella Becagli , ente no-profit che ha come scopo la sostenibilità di ricerche innovative per la diagnosi delle malattie dello scheletro , la quale ha avviato un avanzato programma didattico per la prima infanzia proponendolo proprio alle classi elementari fiorentine. http://www.fondazionefirmo.com/FIRMOweb/.

Si tratta di un innovativo e coraggioso progetto didattico per l’età infantile, ideato proprio dalla prof.ssa Maria Luisa Brandi, che è pure Presidente della FIRMO Fondazione, che ha avuto un successo tale da spingere gli Autori a sviluppare un sito internet con l’aiuto di GIUNTI, consultabile da qualsiasi local1tà, dal nome http://www.misterbone.it/.

                   

 

Tale progetto, che ha avuto eco sul corriere della sera ed possibile leggerne l’articolo digitando il seguente link, http://www.corriere.it/salute/reumatologia/09_dicembre_13/bambini-futuro-ossa-firmo-mr-bone_c781266e-e7a0-11de-8657-00144f02aabc.shtml, è iniziato in alcune scuole fiorentine in modo sperimentale con circa 300 bambini tra 9 e 11 anni addirittura! Attraverso alcune ore di lezione in classe e per mezzo del gioco, i bambini imparavano a conoscere le ossa, gli alimenti che aiutano a rinforzarle, i termini scientifici e che tipo di attività fisica è meglio fare.

Sulla scorta di questi risultati incoraggianti  il Dott. Domenico Gullotta ortopedico e fisiatra  dell’Ospedale di Legnago (VR),  già docente di Ortopedia e Reumatologia presso la scuola prof. per fisioterapisti dell’Azienda Ospedaliera-Universitaria di Verona, da anni impegnato nel presentare corsi per dare alla popolazione le informazioni corrette per combattere la malattia, ha concordato di presentare il programma di tali corsi, non agli anziani, ma proprio a ragazzi giovani delle prime classi del liceo scientifico “Eugenio Balzan” di Badia Polesine (RO) il lun. 16 aprile 2012 e prossimamente presso l’Istituto Alberghiero “Cipriani” di Adria (RO).  Questo perché l’avveduta Dirigenza Scolastica ha compreso quanto sia fondamentale istruire gli adolescenti per prevenire e  poi sconfiggere la malattia!

Infatti, apprendendo che occorrono movimenti gravitazionali , assumere calcio ed  evitando di acidificare il corpo con l’alimentazione per tutta la durata della vita  fin dalla giovane età, i ragazzi  vengono a conoscenza di tutti metodi per mantenere sane e forti le ossa dello scheletro. Finora ci si è giustamente preoccupati di sovrappeso, di salute dei denti, di scoliosi o di piedi piatti ma non di (futura) osteoporosi. Una lacuna che andava e va colmata in tutt’Italia.  Coinvolgendo il maggior numero di scuole possibile e parlando agli adolescenti e specie alle ragazze che sono più a rischio ma pure ai genitori, provvisti  di tanta buona volontà tuttavia  disinformati, e per ultimo ai professori che si sono dimostrati molto interessati all’argomento, riconoscendo che la cultura in materia faccia parte del bagaglio formativo di ogni ragazzo/a. Se non si fa qualcosa adesso, che in Italia  abbiamo già 5 milioni di malati di osteoporosi, saremo destinati a subire le drammatiche conseguenze  della fragilità ossea a cui seguiranno inevitabilmente le fratture da osteoporosi perché, se si continua di questo passo,  oggi le fratture sono stimate in 1 ogni 30 secondi in Italia e in Europa mentre nel 2050, valutano Autorevoli Studiosi, in meno di 40 anni saranno più che raddoppiate!

 

 

 

ARTICOLO GNATOLOGIA & POSTUROLOGIA

Dott. D. Gullotta - Materiale per uso interno tratto dalle lezioni tenute all'Università di Modena e Reggio Emilia

11.11.2013 19:15
    Gnatologia è il termine specifico che indica la branca medica che si occupa delle mascelle e di ciò che è loro connesso ossia denti, articolazioni temporo-mandibolari, muscoli della masticazione e sistema nervoso e, pertanto, sembrerebbe materia di pertinenza solo degli odontoiatri o...
Continua...

ARTICOLO BALLO E POSTURA

BALLO E POSTURA Dott. Mario Turani

11.11.2013 19:19
Ballo e Postura Parlare di Ballo, specialmente di Ballo Latino, in uno spazio completamente dedicato a questa pratica e rivolto a “specialisti” ed “amanti” del settore, risulta un po’ come voler spiegare quanto è buono il vino ad un enologo. Tempo perso per chi scrive e poco utile per chi legge,...
Continua...

ARTICOLO MOVIMENTAZIONE DEL PAZIENTE

Dott. Domenico Gullotta - Materiale per uso interno tratto dalle lezioni tenute al Corso Universitario di Scienze Infermieristiche dell'Università degli Studi di Verona - Polo di Legnago

11.11.2013 19:26
dott. Domenico Gullotta   Introduzione Una mansione importante  che deve svolgere l'Infermiere Professionale è quella della "manutenzione del paziente". Questo termine viene diversamente interpretato al giorno d'oggi: attualmente intendiamo per "manutenzione"  un insieme di...
Continua...

ARTICOLO CORRIERE DELLA SERA SU BALLO E OSTEOPOROSI

EFFETTO PIEZOELETTRICO DEI SALI DI CALCIO DELL'OSSO

23.03.2014 15:29
effetto piezoelettrico osso.pdf (1127851)
Continua...

INDIRIZZO INTERNET CORRIERE DELLA SERA SU BAMBINI E OSTEOPOROSI

11.11.2013 21:01
  Bambini, pensate al futuro anche delle vostre ossa   http://www.corriere.it/salute/reumatologia/09_dicembre_13/bambini-futuro-ossa-firmo-mr-bone_c781266e-e7a0-11de-8657-00144f02aabc.shtml
Continua...

IL PESO DELLA CULTURA (!)

IL PESO DELLA CULTURA

13.11.2013 19:20
IL PESO DELLA CULTURA (!) ..…la colonna ed il peso dello zainetto:  riflessioni su un rapporto controverso       Una delle preoccupazioni che più frequentemente colpisce il genitore di un ragazzo in etá scolare é se e come lo zainetto possa provocare dei danni...
Continua...

VA A FINIRE CHE E' VERO

UNA STORIA VERA....

14.11.2013 08:28
Non ho mai voluto credere che questa storia fosse la realtà, ho vissuto per più di due mesi con la convinzione di trovarmi in un mondo surreale, in un sogno appunto. Non volevo ammettere che questa bella macchina, il mio corpo, avesse subito un grave incidente e si fosse fermata. Quando c'è stato...
Continua...

DISTORSIONE CERVICALE

"colpo di frusta" cervicale

14.11.2013 16:57
INTRODUZIONE Si definisce "colpo di frusta" cervicale una lesione traumatica da flesso-estensione del rachide cervicale che si manifesta quando il corpo viene spinto in avanti, mentre il collo, a causa dell’inerzia data dal capo, si iperestende bruscamente. Questo meccanismo distorsivo determina un...
Continua...

TENOSINOVITE DI DE QUERVAIN

MALATTIA DI DE QUERVAIN

14.11.2013 17:16
La malattia di De Quervain è una tenosinovite stenosante della mano, a carico dei tendini abduttore lungo ed estensore breve del pollice nel punto di passaggio sul processo stiloideio del radio, a livello del primo compartimento estensore dorsale; prende nome da Fritz De Quervain, un ortopedico...
Continua...

PERIARTRITE DI SPALLA

La periatrite di spalla è un infiammazione che coinvolge i tessuti intorno alla spalla

14.11.2013 17:27
Il termine generico di "periartrite di spalla" coniato da Duplay nel 1872 viene comunemente usato per definire situazioni dolorose regionali della spalla da patologia extra-articolare. Nella periartrite di spalla comprendiamo le seguenti sindromi: sindrome da impingement, tendinite calcifica acuta...
Continua...

IL COLPO DELLA STREGA

LEGGENDE POPOLARI: Il colpo della strega

14.11.2013 17:31
INTRODUZIONE Il colpo della strega è un dolore acuto lombare con perdita più o meno completa del movimento, impedisce al paziente di muoversi dalla posizione di blocco. Nelle classiche forme di origine dalla colonna vertebrale si tratta di un dolore dovuto a sforzo o stress dei muscoli, dei tendini...
Continua...

LA RIABILITAZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO

Importanza del pavimento pelvico e riabilitazione

14.11.2013 17:51
Importanza del pavimento pelvico e riabilitazione   A cura di Eugenio Ciuccetti   << introduzione   Come osservato in precedenza, tutta questa complessa struttura muscolare risulta di grande importanza durante tutto l'arco della vita della donna. Una ridotta consapevolezza...
Continua...

LA RIABILITAZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO

14.11.2013 17:49
  La riabilitazione del pavimento pelvico può essere definita come un insieme di tecniche specifiche di tipo conservativo (non si parla di metodiche chirurgiche e/o farmacologiche) che hanno come obbiettivo la correzione di molteplici disfunzioni. Esistono diverse...
Continua...

Camminare come un uomo

Gli scimpanzé possono camminare su due zampe, ma con una andatura impacciata e precaria.

14.11.2013 00:00
Gli scimpanzé possono camminare su due zampe, ma con una andatura impacciata e precaria. Questo perché la testa e il tronco sono sbilanciati in avanti e non bilanciati sulle gambe e sulle anche. Gli esseri umani si sono evoluti in modo da correggere questo sbilanciamento.   La spina...
Continua...

ESCLUSIVA DELLA STAZIONE ERETTA

La tappa più importante del processo evolutivo che ha portato dalle forme di ominidi primitivi all'uomo moderno è l'acquisizione della stazione eretta.

14.11.2013 18:48
Studi eseguiti negli esemplari più tardi di Homo erectus notarono un allargamento delle vertebre del collo in corrispondenza dei nervi che collegano la mano con il cervello, segno di un miglior controllo dei movimenti. A differenza degli altri Primati, nell'uomo mani e piedi sono diversi per forma...
Continua...

EVOLUZIONE DELL'USO DELLA MANO

Per comprendere come può essere movimentato manualmente un carico di qualsivoglia natura, sia biologico che non biologico, occorre considerare come l’uomo abbia liberato l’uso delle mani nel corso della sua evoluzione da mammifero a quat­tro zampe.

14.11.2013 18:52
La capacità di movimentare i carichi è dovuta all’abilità che ha assunto l’uomo, col passare dei secoli, di servirsi di tutte quelle azioni di prensione che può compiere la mano; fatto unico fra gli animali viventi sulla terra, tipico delle scimmie antropomorfe, e che ha contribuito alla...
Continua...

VOCALIZZAZIONE ED EVOLUZIONE

Vocalizzazione ed evoluzione - MAURO UBERTI

14.11.2013 18:56
    Che la gola dell'uomo non si sia formata per cantare, ma che la fonazione sia una funzione di adattamento di organi destinati a funzioni primarie ben diverse, è nozione talmente scontata in ambito biologico che richiamarla in sede scientifica rischia di suonare banale....
Continua...

Blog

Primo blog

10.11.2013 22:17
Oggi abbiamo inaugurato il nostro nuovo blog. Continuate a frequentarlo e vi terremo aggiornati. Potrete leggere i nuovi post del blog tramite il feed RSS.
Continua...

ARTICOLO COXARTROSI

LA COXARTROSI (dott. D. Gullotta)

19.11.2013 17:34
COXARTROSI   La coxartrosi, -localizzazione all’anca del processo artrosico-, rappresenta circa il 90% delle coxopatie in quanto l’anca costituisce una delle sedi di elezione di questo processo degenerativo. Infatti ha una percentuale di incidenza tale da presentare pesanti risvolti di ordine...
Continua...

ARTICOLO COLPO DI FRUSTA CERVICALE

Colpo di frusta cervicale dott. D. Gullotta

19.11.2013 18:05
INTRODUZIONE Si definisce "colpo di frusta" cervicale una lesione traumatica da flesso-estensione del rachide cervicale che si manifesta quando il corpo viene spinto in avanti, mentre il collo, a causa dell’inerzia data dal capo, si iperestende bruscamente. Questo meccanismo distorsivo determina un...
Continua...

LA LEZIONE DI UN MAESTRO

L’osteoartrosi: pregiudizi e luoghi comuni. La programmazione terapeutica. Prof. V. Pipitone

23.11.2013 12:36
  Prima di affrontare l’argomento, che mi sono proposto di sottoporre alla vostra attenzione, desidero chiarire perché, ormai da diversi anni, il termine di “osteoartrosi” ha sostituito quello di “artrosi”, che si usava nel passato. Contrariamente a quello che si credeva molti anni or sono,...
Continua...

FRATTURE NELL'OSTEOPOROSI

FRATTURE NELL'OSTEOPOROSI - Dott. Domenico Gullotta

13.12.2013 23:58
In conseguenza del marcato incremento dell'aspettativa di vita, il numero di anziani è progressivamente cresciuto e questo mutamento demografico ha avuto ripercussioni importanti sulla salute pubblica, anche per l'aumento del numero di fratture derivanti all’osteoporosi. Infatti le fratture sono...
Continua...

EFFETTO PIEZOELETTRICO SALI DI CALCIO DELL'OSSO

LINKS UTILI

23.03.2014 15:44
http://www.centropiaggio.unipi.it/sites/default/files/course/material/Cap8.pdf http://dionisio.centropiaggio.unipi.it/gvozzi/Shared%20Documents/Esame%20Realizzazione%20ed%20Impianti/osso3.pdf http://it.wikipedia.org/wiki/Piezoelettricit%C3%A0 http://www.giomi.it/Portals/0/giomi/images/stories/Pubbli
Continua...

ACIDOSI METABOLICA

NAMED - MEDICINA FUNZIONALE REGOLATORIA

25.03.2014 20:38
PER SCARICARE CLICK HERE libretto-acidosi.pdf (1034703)
Continua...

TABELLA ACIDITA' CIBI

PER VEDERE TABELLA click here

12.04.2014 00:50
     
Continua...